Orihime e Hikobochi: la danza millenaria delle stelle

Quando
Sabato 11 gennaio 2020
Ore: 17:30
Per chi
Per tutti
Dove
Palazzo Roverella

Vivi la mostra Giapponismo in modo originale ed emozionante. Con le visite tematiche di Palazzo Roverella potrai approfondire gli ambiti più curiosi dell’esposizione e viverli attraverso un’atmosfera unica. Le nostre guide esperte, infatti, sono pronte ad accompagnarti alla scoperta di piccoli grandi segreti della mostra attraverso un viaggio immersivo fatto di musica, teatro e poesia.

Scoperta ed emozione ti aspettano a Palazzo Roverella!

 

Orihime e Hikobochi: la danza millenaria delle stelle

Arriva a Palazzo Roverella la leggenda orientale del “Tanabata”, festeggiata ogni anno il settimo giorno del settimo mese. La tradizione celebra, in questa data, il contrastato amore tra due splendenti astri del cielo: Vega-Orihime e Altair-Hikobochi, divisi per l’eternità dal “fiume” della Via Lattea.

Una voce narrante ti condurrà attraverso le opere pittoriche nelle delicate trame della vicenda, che verrà plasticamente interpretata da inserti di arte performativa nei suoi snodi più poetici.

Costo
5 euro a partecipante più biglietto d’ingresso ridotto.

Durata
1 ora

Info e prenotazioni
0425 460093
info@palazzoroverella.com

Condividi questo Evento

Potrebbero interessarti

Mercoledì 25 marzo 2020
Ore: 09:00


Dantedì

Cinque momenti di approfondimento alla scoperta della figura di Dante e del suo Inferno, ma non solo.  Dal tema della Grande Quercia alle testimonianze archeologiche del territorio polesano.

Mercoledì 13 maggio 2020
Ore: 17:30


La fortuna di Dante nella grafica europea dal neoclassicismo agli arbori del modernismo

Cinque momenti di approfondimento alla scoperta della figura di Dante e del suo Inferno, ma non solo.  Dal tema della Grande Quercia alle testimonianze archeologiche del territorio polesano.

Martedì 26 maggio 2020
Ore: 17:30


Dante profeta

Cinque momenti di approfondimento alla scoperta della figura di Dante e del suo Inferno, ma non solo.  Dal tema della Grande Quercia alle testimonianze archeologiche del territorio polesano.