Notizie
7 maggio 2018

Gli esperti al lavoro per svelare il mistero di Meryt e Baby!

Un grande successo di pubblico e di critica per la collezione egizia esposta a Palazzo Roncale.
“Egitto Ritrovato. La Collezione Valsè Pantellini” sta infatti attirando moltissimi visitatori affascinati dai prestigiosi reperti e soprattutto dal mistero che avvolge le due mummie Meryt e Baby.

Oltre ai preziosi amuleti, alle splendide stele con i geroglifici e alla spettacolare maschera funeraria del faraone, reperti che fanno parte di quella che è a tutti gli effetti la collezione di reperti egizi numericamente più consistente del Veneto (una collezione che conta in totale più di 500 reperti), i visitatori hanno potuto anche osservare le mummie, ma non solo. Infatti, a rendere la visita ancora più avvincente è stata la possibilità di poter assistere dal vivo il lavoro di un’esperta di mummie. La restauratrice Cinzia Oliva, tra i massimi specialisti del settore che ha iniziato nelle scorse settimane il restauro di questi due insoliti reperti in “diretta”, sotto gli occhi attenti e curiosi dei visitatori. Con tutta la sua attrezzatura ha esaminato da cima a fondo specialmente Meryt, che chissà quanto tempo fa è stata sbendata, forse da qualche malintenzionato alla ricerca di gioielli o altri oggetti di valore, ma per noi oggi questa è una fortuna perché senza bende sarà forse più facile scoprire qualcosa.

Cinzia Oliva sarà di nuovo in mostra per continuare l’opera di restauro da mercoledì 6 a sabato 9 giugno 2018, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 19.00

Probabilmente Meryt è stata una giovane donna, ma non si conosce né l’età, né il luogo di origine, né tanto meno che aspetto avesse. Le ricerca di risposte a queste domande è affidata a diverse equipe di esperti. Insieme alla restauratrice, si stanno prendendo cura delle mummie le Università di Padova e Venezia, il gruppo di lavoro del laboratorio del Museo Egizio di Torino e anche il personale dell’Ospedale di Rovigo che interverrà nel momento in cui sarà svolta la TAC sui due corpi e in fine la Polizia Scientifica del Triveneto che con fotogrammetrie, misuratori e strumenti da vera scena del crimine cercheranno attraverso lo studio del teschio di realizzare un identikit e ricostruire il volto di Meryt e Baby.

La Polizia Scientifica ha già eseguito un primo sopralluogo e sabato 26 maggio dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, sarà di nuovo in mostra per continuare il lavoro e rispondere a tutte le domande dei visitatori

Intanto, per continuare a soddisfare le curiosità sulle mummie sarà presente in mostra Claudia Gambino, studiosa del gruppo di lavoro EgittoVeneto, che da anni studia tutti i reperti egizi della regione.

Claudia Gambino sarà a Palazzo Roncale nella sala dedicata alle mummie sabato 12 e sabato 19 maggio dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30

Una bellissima occasione per scoprire quanto più possibile su Egitto Ritrovato e sul mistero di Meryt e Baby.
Non lasciatevi scappare la possibilità di fare quante più domande possibile agli esperti dell’Egitto!

Sul sito collezioneegizia.palazzoroverella.arenalab.net è possibile consultare tutte le date in cui gli esperti saranno in mostra.


Palazzo Roncale – Rovigo
Orari di apertura:
7 giorni su 7
feriali 9.00-19.00
sabato e festivi 9.00-20.00

INGRESSO GRATUITO

Condividi questo Articolo