Alluvioni ieri, oggi e domani: quali gli strumenti per conoscere, prevedere e informare?

Quando
Sabato 15 gennaio 2022
Ore: 18:00
Per chi
Per tutti
Dove
Palazzo Roncale

In occasione della mostra 70 anni dopo. La Grande Alluvione, Palazzo Roncale propone un programma di incontri per approfondire il tragico evento del 1951 in Polesine e analizzare le trasformazioni del territorio, dalla rinascita dopo la catastrofe fino agli sviluppi attuali.

Alluvioni ieri, oggi e domani: quali gli strumenti per conoscere, prevedere e informare?

Il nostro Paese è da sempre soggetto a rischi naturali e antropici, e periodicamente è sconvolto da avvenimenti catastrofici che hanno profondamente modificato la vita dell’uomo. Partendo dall’eccezionale alluvione del 1951, nell’ultimo appuntamento in programma sabato 15 gennaio, approfondiremo le cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici e analizzeremo l’importanza della comunicazione sul tema.

Ne parleremo con: Serena Giacomin, Daniele Viero e Francesco Suman.

Serena Giacomin: Fisica, con indirizzo in Fisica dell’Atmosfera. Climatologa e presidente dell’Italian Climate Network. Consulente manageriale per la gestione del rischio climatico. Conduce le rubriche di previsioni meteo e di approfondimento ambientale in onda sui canali Mediaset e tramite le principali radio nazionali. Autrice con Luca Perri di “Pinguini all’Equatore. Non tutto ciò che senti sul clima è vero” (DeAgostini 2020). Docente e divulgatrice scientifica, formatrice di De Agostini Scuola. Ha collaborato alla realizzazione del manuale scolastico per la scuola secondaria di primo grado Scienze Live (Garzanti Scuola 2020).

Daniele Viero: Professore associato Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale, Laureato in Ingegneria Civile Idraulica, Phd in Ingegneria Ambientale.

Francesco Suman: giornalista scientifico free-lance. Collabora tra gli altri con Il Bo Live, Nature Italy, Valigia Blu, Il Tascabile, MicroMega. Ha un Dottorato in filosofia delle scienze biologiche conseguito al dipartimento di biologia dell’Università di Padova. Si occupa di analizzare il rapporto tra scienza e società, scrive tra le altre cose di transizione energetica, cambiamento climatico, pandemia da Covid-19, evoluzione umana, tecnologie quantistiche, fenomeni di misinformation.

 

Costo
Gratuito

Durata
1 ora circa

Info e prenotazioni
Prenotazione obbligatoria

 

Prenota il tuo posto

Condividi questo Evento

Potrebbero interessarti

Sabato 17 dicembre 2022
Ore: 17:30


Scrivere con la luce: lo sguardo del fotografo

Immerso nella realtà, Robert Capa limita al massimo i filtri che lo dividono dal soggetto, creando uno stile potente e toccante, privo di retorica formale, dettato dall’urgenza di spingersi a scattare fin dentro il cuore della battaglia. Le sue fotografie sono ormai comune eredità del patrimonio iconografico del novecento e non mancano di rivelare gli stretti legami dell’autore con il mondo della cultura. Approfondiamo l’arte del grande fotoreporter attraverso un’appassionante percorso nelle principali sezioni di mostra.

Sabato 19 novembre 2022
Ore: 17:30


Senza confini: immagini dal fronte

Nel secolo breve, segnato dalla tragica realtà dei conflitti, Robert Capa sfida l’indifferenza denunciando anche le guerre apparentemente più distanti e remote. È il 1938 quanto decide di lasciare l’Europa per documentare le ostilità che si stavano consumando nell’estremo oriente. La sua destinazione è la Cina, dove per sei mesi sarà testimone della resistenza contro l'invasione giapponese. Rileggiamo insieme queste fondamentali pagine di storia attraverso la sensibilità e gli scatti del maestro ungherese, esposti a Palazzo Roverella

Sabato 15 ottobre 2022
Ore: 17:30


“Leggermente fuori fuoco”: Robert Capa si svela

Il fotografo e l’uomo si raccontano in un libro autobiografico a metà tra il romanzo e il diario di viaggio.  Negli anni tumultuosi della Seconda guerra mondiale, Robert Capa descrive come in una coinvolgente sceneggiatura cinematografica le travagliate storie d’amore, le esperienze tragiche del fronte e gli intensi incontri, vissuti in alcuni dei momenti più cruciali per l’Occidente. Scopriamo la voce narrativa di Robert Capa, con un affascinante percorso tra le sale dell’esposizione.