Quando
Giovedì 13 gennaio 2022
Ore: 21:00
Per chi
Per tutti
Dove
Cinema Duomo, Rovigo

In occasione della mostra 70 anni dopo. La Grande Alluvione, Palazzo Roncale propone un programma di incontri per approfondire il tragico evento del 1951 in Polesine e analizzare le trasformazioni del territorio, dalla rinascita dopo la catastrofe fino agli sviluppi attuali.

Generazioni parallele

Il secondo appuntamento, in programma giovedì 13 gennaio, sarà dedicato alla proiezione del docufilm Generazioni Parallele. L’alluvione in Polesine 65 anni dopo, regia di Nicola Berti, prodotto dal Comune di Stienta e dalla Cooperativa Sociale Il Raggio Verde con Baobab Film e la partecipazione di un gruppo di giovani del Comune di Stienta. Il docufilm è stato realizzato nell’ambito di un progetto per lo sviluppo delle competenze espressive dei giovani in ambito visivo e multimediale applicato alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale, nell’ambito del bando regionale “Fotogrammi Veneti”.

Generazioni Parallele è un viaggio in cui due generazioni di “pari età”, si incontrano a 65 anni di distanza dalla Rotta del Po per confrontare le rappresentazioni con i vissuti dei testimoni diretti di quelle foto in bianco e nero talmente conosciute da sembrare scontate e prive d’anima. I giovani, accompagnati da un regista professionista e due animatori, prendono in mano fotocamere e taccuini per attraversare il Polesine in alcuni tra i luoghi più rappresentativi di quel lontano Novembre, interrogando chi ha provato sulla propria pelle il trauma e la rinascita di una terra.

Il fiume Po accompagna i giovani nella ricerca, in una risalita che, dal Delta fino a Malcantone, si trasforma in riscoperta della memoria e in un passaggio di testimone tra generazioni.

 

Ad anticipare la proiezione un breve dibattito sul valore dell’attivazione delle comunità in risposta a situazioni di crisi, con:

Sergio Frigo, giornalista e storico, autore con Francesco Jori di “ I giorni del diluvio. Il Polesine e la Grande Alluvione del 1951”;

Giorgio Osti, insegna sociologia dell’ambiente e del territorio all’Università degli Studi di Padova. Si è occupato a lungo di tematiche relative allo sviluppo rurale e alle mobilitazioni ambientali. Recentemente ha curato il libro ‘Fiumi e città. Un amore a distanza’ (PUP, 2021)

Francesco Casoni, giornalista pubblicista e scrittore.

Due giovani protagonisti del docufilm

Presente in sala il regista, Nicola Berti. Videomaker, operatore di ripresa e montatore, realizza principalmente documentari con tematiche sociali. Dal 2005 collabora con Medici con l’Africa Cuamm per realizzare documentari e video istituzionali sui progetti attivi nei diversi paesi di intervento. Dal 2011 collabora con il giornalista Piero Badaloni nella realizzazione di documentari per la televisione.

 

Guarda il trailer

 

Costo
Gratuito

Durata
1 ora e 30 minuti

Info e prenotazioni
Prenotazione obbligatoria

 

Prenota il tuo posto

Condividi questo Evento

Potrebbero interessarti

Sabato 17 dicembre 2022
Ore: 17:30


Scrivere con la luce: lo sguardo del fotografo

Immerso nella realtà, Robert Capa limita al massimo i filtri che lo dividono dal soggetto, creando uno stile potente e toccante, privo di retorica formale, dettato dall’urgenza di spingersi a scattare fin dentro il cuore della battaglia. Le sue fotografie sono ormai comune eredità del patrimonio iconografico del novecento e non mancano di rivelare gli stretti legami dell’autore con il mondo della cultura. Approfondiamo l’arte del grande fotoreporter attraverso un’appassionante percorso nelle principali sezioni di mostra.

Sabato 19 novembre 2022
Ore: 17:30


Senza confini: immagini dal fronte

Nel secolo breve, segnato dalla tragica realtà dei conflitti, Robert Capa sfida l’indifferenza denunciando anche le guerre apparentemente più distanti e remote. È il 1938 quanto decide di lasciare l’Europa per documentare le ostilità che si stavano consumando nell’estremo oriente. La sua destinazione è la Cina, dove per sei mesi sarà testimone della resistenza contro l'invasione giapponese. Rileggiamo insieme queste fondamentali pagine di storia attraverso la sensibilità e gli scatti del maestro ungherese, esposti a Palazzo Roverella

Sabato 15 ottobre 2022
Ore: 17:30


“Leggermente fuori fuoco”: Robert Capa si svela

Il fotografo e l’uomo si raccontano in un libro autobiografico a metà tra il romanzo e il diario di viaggio.  Negli anni tumultuosi della Seconda guerra mondiale, Robert Capa descrive come in una coinvolgente sceneggiatura cinematografica le travagliate storie d’amore, le esperienze tragiche del fronte e gli intensi incontri, vissuti in alcuni dei momenti più cruciali per l’Occidente. Scopriamo la voce narrativa di Robert Capa, con un affascinante percorso tra le sale dell’esposizione.