Quando
Giovedì 13 gennaio 2022
Ore: 21:00
Per chi
Per tutti
Dove
Cinema Duomo, Rovigo

In occasione della mostra 70 anni dopo. La Grande Alluvione, Palazzo Roncale propone un programma di incontri per approfondire il tragico evento del 1951 in Polesine e analizzare le trasformazioni del territorio, dalla rinascita dopo la catastrofe fino agli sviluppi attuali.

Generazioni parallele

Il secondo appuntamento, in programma giovedì 13 gennaio, sarà dedicato alla proiezione del docufilm Generazioni Parallele. L’alluvione in Polesine 65 anni dopo, regia di Nicola Berti, prodotto dal Comune di Stienta e dalla Cooperativa Sociale Il Raggio Verde con Baobab Film e la partecipazione di un gruppo di giovani del Comune di Stienta. Il docufilm è stato realizzato nell’ambito di un progetto per lo sviluppo delle competenze espressive dei giovani in ambito visivo e multimediale applicato alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale, nell’ambito del bando regionale “Fotogrammi Veneti”.

Generazioni Parallele è un viaggio in cui due generazioni di “pari età”, si incontrano a 65 anni di distanza dalla Rotta del Po per confrontare le rappresentazioni con i vissuti dei testimoni diretti di quelle foto in bianco e nero talmente conosciute da sembrare scontate e prive d’anima. I giovani, accompagnati da un regista professionista e due animatori, prendono in mano fotocamere e taccuini per attraversare il Polesine in alcuni tra i luoghi più rappresentativi di quel lontano Novembre, interrogando chi ha provato sulla propria pelle il trauma e la rinascita di una terra.

Il fiume Po accompagna i giovani nella ricerca, in una risalita che, dal Delta fino a Malcantone, si trasforma in riscoperta della memoria e in un passaggio di testimone tra generazioni.

 

Ad anticipare la proiezione un breve dibattito sul valore dell’attivazione delle comunità in risposta a situazioni di crisi, con:

Sergio Frigo, giornalista e storico, autore con Francesco Jori di “ I giorni del diluvio. Il Polesine e la Grande Alluvione del 1951”;

Giorgio Osti, insegna sociologia dell’ambiente e del territorio all’Università degli Studi di Padova. Si è occupato a lungo di tematiche relative allo sviluppo rurale e alle mobilitazioni ambientali. Recentemente ha curato il libro ‘Fiumi e città. Un amore a distanza’ (PUP, 2021)

Francesco Casoni, giornalista pubblicista e scrittore.

Due giovani protagonisti del docufilm

Presente in sala il regista, Nicola Berti. Videomaker, operatore di ripresa e montatore, realizza principalmente documentari con tematiche sociali. Dal 2005 collabora con Medici con l’Africa Cuamm per realizzare documentari e video istituzionali sui progetti attivi nei diversi paesi di intervento. Dal 2011 collabora con il giornalista Piero Badaloni nella realizzazione di documentari per la televisione.

 

Guarda il trailer

 

Costo
Gratuito

Durata
1 ora e 30 minuti

Info e prenotazioni
Prenotazione obbligatoria

 

Prenota il tuo posto

Condividi questo Evento

Potrebbero interessarti

Sabato 18 giugno 2022
Ore: 17:30


ANNA-GABRIELLE-NINA. Le 3 donne dello Sciamano Avanguardista

Un racconto biografico per far luce sul ruolo e l'influenza di queste tre donne nella via privata e professionale dell'artista. Dalle radici simboliche di una Eurasia dimenticata - dove ha origine l'arte di Kandinskij - all'incontro con l'amore, ecco rivelarsi una perfetta connessione tra Arte, Amore e Spiritualità.

Sabato 21 maggio 2022
Ore: 17:30


Rivoluzione Bauhaus: design workshop

Il Bauhaus, esperienza unica e sorprendente nella storia del '900, ha conciliato la bellezza degli elementi con la loro componente funzionale. Questa scuola d'arte riuscì a dare forma al bisogno di libertà espressiva di una nuova generazione, segnando una svolta culturale. Dopo un approfondimento teorico, i visitatori potranno cimentarsi nelle sperimentazioni che venivano assegnate durante le lezioni di Kandinskij e Klee, ridando vita a quella fucina grafica che ripensò i rapporti tra forme, spazio e colori.

Sabato 16 aprile 2022
Ore: 17:30


La musica delle forme: concerti pittorici e composizioni sceniche

Come in un dialogo armonico, l'arte di Kandinskij fonde i colori della pittura con l'emozione del suono, dando vita a vere sinfonie cromatiche. Fondamentale nella genesi dell'astrattismo fu anche il ruolo di Schönberg con il quale l'artista russo coltivò una fitta corrispondenza, preludio di avanguardistiche esperienze teatrali.