Quando
Venerdì 14 maggio 2021
Ore: 21:00
Per chi
Per tutti
Dove
Diretta streaming

#SocialGuide, una visita guidata tematica virtuale per approfondire particolari aspetti legati alla mostra Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle Avanguardie.

Il suono giallo

Kandinskij traduce i toni del giallo in follia e vitalità riferendoli in musica al suono degli ottoni. Il fenomeno della sinestesia permette in pittura una nuova suggestiva contaminazione nella percezione dei sensi.

Percorso poetico-performativo con inserti musicali.

 

Come partecipare

Basta collegarsi alla pagina Facebook o al canale YouTube di Palazzo Roverella.

 

Costo
Gratuito

Durata
45 minuti

Info
0425 460093
info@palazzoroverella.com

Condividi questo Evento

Potrebbero interessarti

Sabato 18 giugno 2022
Ore: 17:30


ANNA-GABRIELLE-NINA. Le 3 donne dello Sciamano Avanguardista

Un racconto biografico per far luce sul ruolo e l'influenza di queste tre donne nella via privata e professionale dell'artista. Dalle radici simboliche di una Eurasia dimenticata - dove ha origine l'arte di Kandinskij - all'incontro con l'amore, ecco rivelarsi una perfetta connessione tra Arte, Amore e Spiritualità.

Sabato 21 maggio 2022
Ore: 17:30


Rivoluzione Bauhaus: design workshop

Il Bauhaus, esperienza unica e sorprendente nella storia del '900, ha conciliato la bellezza degli elementi con la loro componente funzionale. Questa scuola d'arte riuscì a dare forma al bisogno di libertà espressiva di una nuova generazione, segnando una svolta culturale. Dopo un approfondimento teorico, i visitatori potranno cimentarsi nelle sperimentazioni che venivano assegnate durante le lezioni di Kandinskij e Klee, ridando vita a quella fucina grafica che ripensò i rapporti tra forme, spazio e colori.

Sabato 16 aprile 2022
Ore: 17:30


La musica delle forme: concerti pittorici e composizioni sceniche

Come in un dialogo armonico, l'arte di Kandinskij fonde i colori della pittura con l'emozione del suono, dando vita a vere sinfonie cromatiche. Fondamentale nella genesi dell'astrattismo fu anche il ruolo di Schönberg con il quale l'artista russo coltivò una fitta corrispondenza, preludio di avanguardistiche esperienze teatrali.