Renoir. L’alba di un nuovo classicismo



Renoir, Roses dans un vase, 1900

Pierre-Auguste Renoir
L’alba di un nuovo classicismo



Un Renoir inedito: dal Moulin de la Galette alla "moderna classicità"

Pierre Auguste Renoir, Le Moulin de la Galette (studio), 1875-76
Orari

Ti aspettiamo dal 25 febbraio al 25 giugno 2023

Vieni a trovarci ogni giorno:
dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00
sabato, domenica e festivi dalle 9.00 alle 20.00

Verso la fine degli anni Settanta, l’esperienza impressionista per Pierre-Auguste Renoir, uno dei massimi interpreti del movimento, andava esaurendosi. Scosso da una profonda inquietudine creativa, Renoir decide di recarsi, nel 1881, in Italia. Un viaggio lungo la penisola che lo porterà da Venezia a Firenze, da Roma a Napoli, fino a Palermo.

Travolto dalla forza della luce mediterranea, rapito dalla bellezza di Capri, dai capolavori antichi del Museo Archeologico di Napoli, impressionato dai dipinti di Carpaccio e Tiepolo e dalla “semplicità e grandezza” degli affreschi di Villa Farnesina, Renoir matura una rivoluzione artistica: dalla joie de vivre delle scene di divertimento della borghesia parigina a uno stile aigre, aspro, che fondeva la lezione di Raffaello con quella di Ingres. Era l’alba di un nuovo stile.

"Renoir. L’alba di un nuovo classicismo" racconterà soprattutto questa seconda fase della carriera dell'artista. Muovendo dal grande studio preparatorio a olio su tela del celeberrimo Moulin de la Galette, il percorso di mostra seguirà l’evoluzione dello stile di Renoir a partire dal ritorno dopo il viaggio in Italia: dai primi esempi di “moderna classicità” alla pittura di stile neo-rinascimentale, fino ai paesaggi della Provenza e della Costa Azzurra. Un Renoir per certi aspetti inedito, “profeta” di quel rappel à l’ordre che avrebbe caratterizzato l’arte del periodo tra le due guerre.

Acquista il biglietto in prevendita

Ultime notizie